Telegram
Telegram

Studi e ricerche online fatte per agire sul campo. In dodici facciate la Corte d’assise ha motivato la condanna a 6 anni di carcere inflitta il 23 gennaio a Anas El Abboubi, 27enne di origine marocchina morto in Siria mentre difendeva i vessilli dell’Isis. Un amore mai nascosto da Anas che su internet aveva cercato a più riprese come ricaricare kalashnikov oppure come costruire ordigni esplosivi artigianali, anche comandati a distanza.

El Abboubi faceva ricerche su armi e ordigni perché voleva usarli in guerra. Il 27enne che viveva a Vobarno con i genitori aveva rapporti con esponenti dell’estremismo islamico. Molto attivo sul blog Sharia4, più volte aveva tentato la fuga verso il Belgio e l’Inghilterra per incontrare i predicatori più noti dello Stato Islamico.

Anas El Abboubi, inoltre, si presentò in questura chiedendo l’autorizzazione a manifestare contro gli Stati Uniti e dare fuoco alla bandiera di Israele. Tutti gesti che fanno pensare a qualcosa di più che a un semplice interesse o un’acquisizione di informazioni.

Telegram
Telegram

 

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteRuota panoramica priva di sistemi di protezione, scatta il sequestro
Articolo successivoViolentò due donne, sette anni di carcere confermati. Poi sarà espulsione