Demo banner - Articolo top+bottom desktop
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Restart
Restart
Telegram
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250
6chic | grafica . internet . stampa . visual

“Dicembre deve essere il mese che ci consente di mettere definitivamente in sicurezza il Paese” ma da qui a 15 giorni “credo che gran parte dell’Italia sarà gialla”, per quel che riguarda l’indice di rischio. Così il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, nel corso di un convegno.

Il Ministro ha ricordato che nelle ultime settimane, dal punto di vista dei contagi, “sono stati ottenuti risultati importanti senza lockdown nazionale: la curva non solo sta calando ma è abbastanza sotto controllo e ci fa respirare”.

Secondo Boccia, quelle in corso “sono ore decisive per il Dpcm che dal punto di vista temporale sarà il più lungo perché partirà il 4 dicembre ma sicuramente andrà oltre l’epifania”.

Demo banner - Articolo top+bottom desktop
Restart
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Restart
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Telegram

“Il vaccino non sarà obbligatorio – ha proseguito l’esponente dell’esecutivo – ma fortemente consigliato. Penso comunque che debbano farlo tutti”. La distribuzione invece “sarà capillare anche con l’ausilio delle Forze armate, che ringrazio”, ha aggiunto il ministro, ricordando che “più persone lo faranno più metteremo in sicurezza il Paese”.

© Agenzia Nova – Riproduzione riservata

Restart
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Demo banner - Articolo top+bottom desktop
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250
Restart