La popolazione di Nanchino ha osservato un minuto di silenzio e le sirene hanno risuonato in tutta la città, mentre la Cina ricorda oggi con la nona cerimonia commemorativa nazionale le 300.000 vittime del massacro di Nanchino. Nonostante il freddo invernale, migliaia di persone hanno partecipato alla cerimonia a Nanchino, nella provincia dello Jiangsu, nella Cina orientale, con fiori bianchi appuntati sul petto per esprimere il loro cordoglio. Di fronte alla folla, la bandiera nazionale cinese ha sventolato a mezz'asta. Alle 10:01 le sirene hanno iniziato a suonare e la città si è fermato. Gli automobilisti nel centro della città hanno fermato le auto e suonato il clacson, mentre i pedoni si sono fermati per un minuto di silenzio in ricordo delle vittime. Gli adolescenti hanno letto una dichiarazione con un appello alla pace e i rappresentanti dei cittadini hanno suonato la campana della pace. Colombe bianche, che simboleggiano la speranza per la pace, sono state liberate per sorvolare la piazza del Memoriale delle vittime del massacro di Nanchino da parte degli invasori giapponesi. Il massacro di Nanchino avvenne quando le truppe giapponesi conquistarono la città il 13 dicembre 1937. In sei settimane uccisero più di 300.000 civili cinesi e soldati disarmati in uno degli episodi più barbarici della seconda guerra mondiale. Nel 2014, la massima legislatura cinese ha designato il 13 dicembre come il giorno della memoria nazionale per le vittime del massacro di Nanchino. Sette sopravvissuti al massacro sono deceduti quest'anno, riducendo il numero totale dei sopravvissuti registrati a 54. I restanti sopravvissuti hanno un'età media di oltre 92 anni.

La popolazione di Nanchino ha osservato un minuto di silenzio e le sirene hanno risuonato in tutta la città, mentre la Cina ricorda oggi con la nona cerimonia commemorativa nazionale le 300.000 vittime del massacro di Nanchino.

Nonostante il freddo invernale, migliaia di persone hanno partecipato alla cerimonia a Nanchino, nella provincia dello Jiangsu, nella Cina orientale, con fiori bianchi appuntati sul petto per esprimere il loro cordoglio. Di fronte alla folla, la bandiera nazionale cinese ha sventolato a mezz’asta.

Alle 10:01 le sirene hanno iniziato a suonare e la città si è fermato. Gli automobilisti nel centro della città hanno fermato le auto e suonato il clacson, mentre i pedoni si sono fermati per un minuto di silenzio in ricordo delle vittime.

Gli adolescenti hanno letto una dichiarazione con un appello alla pace e i rappresentanti dei cittadini hanno suonato la campana della pace. Colombe bianche, che simboleggiano la speranza per la pace, sono state liberate per sorvolare la piazza del Memoriale delle vittime del massacro di Nanchino da parte degli invasori giapponesi.

Il massacro di Nanchino avvenne quando le truppe giapponesi conquistarono la città il 13 dicembre 1937. In sei settimane uccisero più di 300.000 civili cinesi e soldati disarmati in uno degli episodi più barbarici della seconda guerra mondiale.

Nel 2014, la massima legislatura cinese ha designato il 13 dicembre come il giorno della memoria nazionale per le vittime del massacro di Nanchino.

Sette sopravvissuti al massacro sono deceduti quest’anno, riducendo il numero totale dei sopravvissuti registrati a 54. I restanti sopravvissuti hanno un’età media di oltre 92 anni. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteSanta Lucia regala a Brescia il primo velo di neve
Articolo successivoCina: Xinjiang, la vita e la produzione tornano alla normalità