Telegram

Quando persone da tutto il mondo si sono riunite a Shanghai per visitare l’Expo mondiale del 2010, anche Tommaso Sora, un italiano in cerca di opportunità in Cina, si è trasferito in questa città. Guardando indietro agli anni passati, la considera un’avventura emozionante e piacevole.

Mentre raccontava ai giornalisti di Xinhua la sua storia, Tommaso stava preparando una tazza di caffè, cosa che ora fa di lavoro.

Diversi anni fa, Tommaso faceva l’ingegnere di software, aveva avviato la propria attività in questa nuova città e le caffetterie che spuntavano per le sue strade avevano suscitavano il suo interesse.

Telegram

Quando è arrivato per la prima volta in Cina, non c’erano molti caffè e la maggior parte erano negozi di catene come Starbucks. “Oggi le persone hanno più scelte” ha affermato Tommaso, “ci sono più aziende cinesi, grandi negozi come Luckin e Manner e anche boutique aperte da appassionati di caffè”.

Tommaso ha scoperto che tali negozi tendevano a fornire chicchi di caffè e servizi di maggiore qualità e, dopo averli apprezzati, ha deciso di avviare una nuova attività come torrefazione di caffè online nel 2018. L’italiano ha chiamato il suo marchio “HEICOFFEE”, segno della sua determinazione a fornire caffè nero fresco, poiché la pronuncia di “nero” in cinese è “hei”.

Ora spedisce chicchi di caffè a clienti in tutta la Cina secondo modalità di abbonamento mensile e i clienti possono scegliere la quantità in base al loro consumo settimanale. “Proprio come ricevere i fiori di stagione tramite consegna a domicilio, dalla selezione, alla tostatura, alla lavorazione fino a questa modalità di abbonamento, facciamo del nostro meglio per garantire la freschezza dei chicchi”, ha detto Tommaso.

Essendo ingegnere di software, l’italiano ha anche creato un mini programma per il suo marchio di caffè. Le opzioni di acquisto sono elencate nell’interfaccia dal design semplice, con foto di chicchi di caffè e campi. Nella storia del marchio è scritta una breve frase, “HEICOFFEE è nato a Shanghai, in Cina”.

Tommaso ha affermato di aver beneficiato della fiorente industria del caffè cinese poiché la maggior parte dei chicchi che vende provengono dalla provincia cinese sud-occidentale dello Yunnan, dove ha visitato spesso le piantagioni locali e ha imparato diversi modi di lavare e lavorare dai contadini.

“I chicchi sono di buona qualità e lasciano meno impronte di carbonio rispetto all’acquisto di chicchi di caffè dal Sud America”. Secondo lui, c’è stata una forte concorrenza per acquistare questi chicchi poiché sempre più marchi iniziano a fare acquisti nello Yunnan.

Tommaso crede anche che il suo marchio non esisterebbe senza il buon ambiente commerciale locale. “Shanghai è molto veloce, una città d’affari e internazionale. Per gli stranieri è più facile integrarsi a Shanghai”, ha detto.

Shanghai è stata duramente colpita dal COVID-19 nella prima metà dell’anno, anche le operazioni di HEICOFFEE ne hanno risentito. Così, Tommaso ha iniziato a riflettere sul suo modello di business, rispondendo al suggerimento di molti clienti di fornire caffè in polvere insieme ai chicchi di caffè.

“In Cina, sempre più persone iniziano a bere caffè e sono curiose di nuovi sapori”, ha detto. “È una buona opportunità per le caffetterie che potrebbero provare diversi tipi di caffè.”

Tommaso ha anche visto i robot che preparano il caffè durante la Shanghai Coffee Culture Week tenutasi ad agosto e crede che questa potrebbe essere la tendenza futura dell’industria cinese del caffè.

Avendo vissuto in Cina per più di dieci anni, ha stretto molte amicizie e ha costruito la sua famiglia qui. Essendo abituato alla vita in questo Paese, di tanto in tanto si unisce ai suoi amici per il tè.

Tuttavia, il caffè rimane il suo vero amore e, proprio come diceva sempre ai suoi clienti, “il mio business del caffè è qui a Shanghai”. (Xin) © Xinhua

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteContagio covid stabile, a Brescia 685 casi
Articolo successivoPaparazzo, “piano cave era sbagliato in Provincia e tale è rimasto in Regione”