Si è conclusa la 26esima edizione della colletta organizzata dal Banco Alimentare, una giornata di raccolta di cibo per chi fatica ad arrivare a fine mese. Terminata la prima fase, è tempo di bilanci e per Brescia quest’anno significa quasi 170mila chili di cibo. Una risposta non scontata se si pensa al periodo tutt’altro che facile.

“Mai come in questo anno la situazione economica e l’aumento dei prezzi hanno reso difficile a tante persone il donare qualcosa in più; i nostri volontari hanno comunque raccolto tantissime testimonianze di generosità” fanno sapere dall’associazione. Una risposta che si è fatta sentire forte anche nella nostra provincia.

La raccolta è stata effettuata in modo del tutto capillare coinvolgendo 220 supermercati bresciani e soprattutto 2.200 volontari di numerose realtà che hanno deciso di spendere così il loro sabato dando una mano.

Conclusa la colletta che potremmo definire fisica, la solidarietà non si ferma. Il Banco Alimentare prosegue infatti tutto l’anno la raccolta e la distribuzione delle eccedenze nella filiera agroalimentare. Ma tutti possono continuare a donare attraverso la “colletta online” su piattaforme web come Amazon, Carrefour, Easycoop ed Esselunga.

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteCina: Tiangong, nel 2023 arriveranno carichi utili internazionali
Articolo successivoCina: Guizhou, popolazione etnica Dong festeggia l’anno nuovo