Telegram

La Procura di Brescia e la Guardia di Finanza cittadina hanno collaborato con l’Fbi in un’operazione di contrasto al cybercrime.

Secondo quanto battuto dall’agenzia Ansa, sarebbero state rubate milioni di credenziali informatiche utilizzate per commettere reati finanziari o vendute ad altri su forum di criminalità informatica.

Nel mirino è finito un 26enne ucraino, per il suo presunto ruolo centrale nell’attività illecita. Avrebbe infettato milioni di computer in tutto il mondo con malware. Le informazioni rubate sono state utilizzate anche per commettere reati finanziari.

Telegram

Gli agenti dell’Fbi hanno identificato più di 50 milioni di credenziali univoche e forme di identificazione (indirizzi e-mail, conti bancari, indirizzi di criptovaluta, numeri di carte di credito) nei dati rubati da quelli che sembrano essere milioni di potenziali vittime in tutto il mondo. Le credenziali sembrano includere oltre quattro milioni di indirizzi email.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteFdI, “cancellare le sanzioni per chi non ha fatto i vaccini”
Articolo successivoDentroCasa Expo: design, eventi, cene stellate. Si parte il 5 novembre