Telegram
Demo banner - Articolo top+bottom desktop
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Telegram
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250

Dopo il voto di ieri al Senato, si svolge oggi alla Camera il dibattito per la fiducia al governo guidato da Mario Draghi. I tempi saranno così organizzati: dalle 9 alle 16 si terrà la discussione generale. Alle 18 si svolgerà la replica del Presidente del Consiglio, a cui seguiranno le dichiarazioni di voto dei rappresentanti dei gruppi parlamentari. La votazione finale per appello nominale partirà dalle 20 circa.

Il sì di Palazzo Madama, ieri, è arrivato poco prima di mezzanotte con 262 voti a favore, 40 contrari, e 2 astensioni. Il governo si impegnerà per inserire nella Costituzione i concetti di ambiente e sviluppo sostenibile che “sono alla base della giustizia tra generazioni”.

E’ questa la promessa fatta dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, nella sua replica nell’Aula del Senato, dopo gli interventi dei partiti sulle sue dichiarazioni programmatiche. Il premier ha anche garantito una costante interlocuzione con il Parlamento, con le Regioni e con le parti sociali e ha assicurato un impegno particolare per il turismo. “Alcune imprese potrebbe non aprire dopo la pandemia, ma una che certamente riaprirà è quella del turismo Draghi replica in Senato: ambiente in Costituzione, investire sul turismo non è buttare soldi. Investire nel turismo e sostenerlo significa buttare via i soldi, perché quei soldi tornano indietro”.

Telegram
Demo banner - Articolo top+bottom desktop
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250
Telegram

Analoga attenzione sarà data anche alla cultura. “Il rischio è la perdita di un patrimonio, non solo economico – ha precisato -. Molto è stato fatto per i ristori immediati ma serve fare ancora di più”. Draghi si è poi soffermato sul tema dell’immigrazione, sottolineando come il governo intenda muoversi a livello europeo per una più corretta ripartizione degli oneri tra i vari Paesi. “L’Italia propone come concreta misura di solidarietà un meccanismo obbligatorio di redistribuzione dei migranti pro-quota”, ha specificato il presidente, che concludendo il suo intervento ha ringraziato tutti per la fiducia, anche se questa, ha ammesso, “andrà da noi confermata nei fatti e nei risultati”.

© Agenzia Nova – Riproduzione riservata

Demo banner - Articolo top+bottom desktop
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Telegram
Telegram