Maxi-frode fra Monza e Brescia. Sequestrati 2,7 milioni
Telegram

I militari della Guardia di Finanza di Monza hanno scoperto una maxi frode fiscale, con emissione di false fatture per oltre 10 milioni di euro attraverso una società brianzola e tre nel milanese, che ha portato alla denuncia di un imprenditore calabrese residente in provincia di Brescia, e al sequestro di beni per circa 2,7 milioni, tra denaro e appartamenti in Brianza.

Le indagini sono partite da un controllo delle Fiamme gialle nella sede di una società di logistica e pulizie a Burago di Molgora (Monza).

A quanto emerso, le false fatture venivano emesse dall’imprenditore anche a vantaggio di altre quattro società cooperative operanti nel medesimo settore in provincia di Milano, i cui legali rappresentanti sono stati denunciati con l’accusa di illecito risparmio d’imposta conseguito per mezzo della frode fiscale.

Telegram

Tra i beni sequestrati all’imprenditore al vertice del raggiro, tre appartamenti e due autorimesse riconducibili, tra le province di Milano e Brescia, grazie a prestanome compiacenti.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteLa premier britannica Liz Truss si è dimessa
Articolo successivo“Ghè de fà”, si cercano volontari per la Capitale della Cultura