6chic | grafica . internet . stampa . visual
Demo banner - Articolo top+bottom desktop
Restart
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250
Telegram
6chic | grafica . internet . stampa . visual

Ricorderete di certo all’inizio di agosto il gran numero di api morte fra le province di Brescia e Cremona. Una diminuzione importante tra il 60% e l’80% delle famiglie di api nei Comuni di Villachiara, Quinzano, Borgo San Giacomo e in alcuni apiari a San Gervasio Bresciano e Desenzano del Garda.

A seguito di questa moria sono intervenuti anche gli esperti di Ats Brescia che si sono da subito attivati per scoprire la causa degli episodi segnalati nel mese di agosto, con accertamenti ispettivi sulle attività agricole in prossimità degli apiari colpiti.

Gli esami effettuati presso il laboratorio chimico dell’Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia Romagna hanno evidenziato la presenza nelle api morte dei principi attivi di un fitosanitario specifico utilizzato sul mais. Sono ancora in corso gli accertamenti per identificare i responsabili di questi trattamenti.

Restart
Demo banner - Articolo top+bottom desktop
6chic | grafica . internet . stampa . visual
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Telegram
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250
Restart

Ats fa sapere che la tutela delle api è importante sia per la capacità produttiva di miele e di altri prodotti dell’alveare, sia per assicurare l’azione di impollinazione delle colture agricole e l’equilibrio dell’ecosistema.

6chic | grafica . internet . stampa . visual
Demo banner - Articolo top+bottom desktop
Restart
Restart
Telegram
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250