Regimazione in Maddalena contro il dissesto idrogeologico
Telegram

Sono da poco iniziati i lavori di regimazione idraulica sul versante sud del monte Maddalena, dalla zona di Sant’Eufemia a est fino a San Gottardo a ovest. L’intervento, del valore complessivo di 690mila euro, si concluderà a fine maggio 2023 e coinvolgerà quattro distinte aree, da est a ovest: Val Carobbio, Valle Lana, Valle dei Coni e Val Tavareda. Tratto comune tra i reticoli idrici di questa zona è il fatto che gli impluvi e i rii non presentano un recettore finale ma terminano sulla viabilità esistente, sia pedonale sia viabilistica.

Da qui la necessità di realizzare interventi di regimazione con l’obiettivo generale di mitigare l’effetto dell’onda di piena trattenendo quanto più volume possibile a monte.

Gli interventi

Sul torrente Val Carobbio si andranno a realizzare nuove briglie, oltre a quelle già presenti. Le briglie saranno realizzate in gabbioni metallici riempiti in pietrame. Si prevede inoltre il consolidamento di alcuni tratti di versante in prossimità delle opere. Previste anche vasche di decantazione e smorzamento.

Telegram

In Val di Lana, lungo l’omonimo rio, verrà realizzata una briglia in legname e pietrame mentre in Valle dei Coni sono previsti sia la realizzazione di una doppia vasca di imbocco, in gabbioni con gaveta di monte in calcestruzzo e pettine in tubi in acciaio – con funzione di trattenuta del materiale flottante e doppio salto di fondo -, sia il consolidamento del primo tratto di alveo a valle mediante platea in massi cementati e gabbioni laterali, oltre alla realizzazione di briglia e controbriglia in gabbioni. Sempre in valle dei Coni, per quanto riguarda la viabilità, si prevede una sistemazione dell’attuale corda molle, con effetto di “guado” mediante pavimentazione in acciottolato e massi.

In via Santelle è prevista la realizzazione di due piccoli sbarramenti, da realizzare in cemento armato, posti trasversalmente alla direzione del deflusso per rallentare la velocità delle acque e soprattutto per trattenere eventuale materiale solido trasportato.

Infine, lungo i rii della Val Tavareda, è previsto un intervento di pulizia e gestione della vegetazione, nel tratto di sezioni a monte dello sfioratore di via Canalotto, la realizzazione di vaschette di intercettazione del materiale solido e lo smorzamento dei deflussi di monte.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteWorkers, storie di ordinario sfruttamento. A Brescia fino al 2 ottobre
Articolo successivoCovid: positività oltre il 20%, 915 casi a Brescia