Telegram

Sulla base dei dati forniti dal monitoraggio dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), Sardegna e Sicilia sono le due Regioni che potrebbero passare alla zona gialla. Le due regioni, presentano un’incidenza del virus molto elevata, misurata nella settimana dal 2 all’8 agosto, pari rispettivamente a 142,03 e 104,55 ogni 100 mila abitanti, che insieme alla Toscana (119,73), sono le uniche a superare i 100 casi in Italia.

Inoltre, la Sardegna ha un livello di occupazione dei posti in terapia intensiva pari all’11% e dei posti in area non critica pari al 7%. La Sicilia, invece, presenta un livello percentuale dell’occupazione dei posti letto in terapia intensiva del 7%, mentre quelli in area non critica pari al 14%. Con i nuovi parametri adottati dal governo, si accede in zona gialla se si supera la soglia del 10% dei posti in terapia intensiva, del 15% per i posti in area non critica, e con un incidenza superiore ai 50 casi ogni 100 mila abitanti.

Per questo, se la situazione dovesse peggiorare, le due isole potrebbero subire un cambio di colore. Si tratta però di dati lontani dalla media nazionale. Per quanto riguarda l’incidenza, il Paese presenta un valore di 68,91 casi ogni 100 mila abitanti, valore rilevato nella settimana dal 2 all’8 agosto, mentre le terapie intensive sono occupate al 4% e i posti in area non critica sono occupati al 5%. Fatta eccezione per quest’ultimo dato, stabile rispetto alle rilevazioni dei due giorni precedenti, sebbene si tratti di dati in crescita rispetto alle precedenti misurazioni, quest’ultimi non rappresentano livelli critici.

Telegram
Telegram

© Agenzia Nova – Riproduzione riservata

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteFigliuolo: “Dal 16 agosto 10 milioni di dosi di vaccino”
Articolo successivoVaccinazione per gli universitari: arriva il “pulsante” dedicato