Telegram

Si sa, gennaio è il mese della ripresa dei campionati nostrani dopo la pausa per il periodo festivo. Quest’anno poi lo stop del campionato cadetto – la Serie A si è fermata prima di Natale – si è allungato, causa il rinvio delle ultime due giornate di dicembre deciso dalla Lega di B.

Il primo mese dell’anno è però (anche) il mese dedicato al cosiddetto “mercato di riparazione” (che inizia il 3 gennaio 2022 e si chiude il 31 gennaio 2022), la sessione che permette ai club di “aggiustare” o di “rinforzare” le proprie rose. In casa Rondinelle è già qualche giorno che si fanno nomi papabili alla causa, e ormai le voci si rincorrono. Per ora però sono solo indiscrezioni.

In casa Brescia , nelle scorse ore c’è stato – come sempre accade d’altronde – un incontro tra il presidente Cellino, il DS Marroccu e l’allenatore Inzaghi per iniziare a definire i possibili movimenti invernali.

Telegram

La prima novità, come riporta Gianlucadimarzio.com, potrebbe essere legata al mercato in uscita, con Spalek che pare essere molto vicino al Crotone (club col quale si parla del ritorno di Benali, ma al momento queste sono solo indiscrezioni).

“Un nome per reparto, e poi movimenti legati alle uscite”, sarebbe questa la politica per il mercato invernale delle Rondinelle. In difesa le indiscrezioni riportano come Mateju (in scadenza) potrebbe lasciare, con il club bresciano pronto a regalare a Inzaghi un nuovo terzino. A centrocampo le idee potrebbero essere molte, visti alcuni giocatori con poco spazio (Ndoj su tutti, oltre al già citato Spalek), e in queste ore si fanno molti nomi – tra cui giocatori attualmente in Serie A – Per l’attacco, invece, l’andamento stagionale sembrerebbe consigliare di toccare poco o nulla, ma anche qui le voci corrono, con interessamenti delle Rondinelle su giocatori offensivi esterni, per poter essere più imprevedibili tra qualità e quantità.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedentePrimo gennaio 2022. L’Euro compie vent’anni
Articolo successivoBrescia, assegnate altre due importanti gare di atletica