Telegram
Telegram

C’è anche una delegazione dei conducenti dei bus aderenti ai Cobas in piazza a sostegno della protesta degli studenti.

“Hanno ragione -dice Nicola Caletti, rsu Cobas di Arriva – in centinaia rimangono a piedi perchè manca personale. Una carenza dovuta alle malattie, a no green pass ma anche a causa dell’elevato numero di autisti che si sono licenziati per le condizioni di lavoro”.

“Uno stipendio di 1.200/1.300 euro al mese – aggiunge Caletti – per 10 o 12 ore non è più sostenibile e in troppi si sono licenziati”.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteStudenti, “lavoriamo con Tpl per risolvere il problema”
Articolo successivoBrescia, chi segnerà la 50° rete alla Cremonese?