Telegram

Una piaga tristemente diffusa e nota, difficile da estirpare. Stiamo parlando delle truffe agli anziani, vittime privilegiate di malviventi che sperano di portarsi a casa gioielli e denaro contando magari sui punti deboli di queste persone: condizioni di salute magari precarie, debolezza fisica, solitudine e quindi bisogno di incontrare qualcuno.

L’ultimo episodio è avvenuto a Mompiano dove durante il pomeriggio due truffatori hanno raggirato una donna di 83 anni. Le modalità sono sempre le stesse: uno dei due si finge un tecnico, in questo caso un idraulico che doveva effettuare un controllo alle tubature. Terminato il controllo l’uomo è andato via, e solo dopo pochi minuti la vittima si è resa conto che il suo portafoglio e tutti i suoi gioielli erano stati portati via.

“È fondamentale sensibilizzare i nostri anziani informandoli sulle varie tipologie di stratagemmi messi in atto dai criminali senza scrupoli che provano in tutti i modi ad introdursi nelle loro case – ha ricordato la Questura – spacciandosi per appartenenti alle Forze dell’ordine, assicuratori, avvocati, tecnici del gas, dell’acqua, dell’energia elettrica, ufficiali giudiziari, corrieri per consegne pacchi”.

Telegram

Di capitale importanza, dopo aver subito atti di questo tipo, è superare anche la vergogna di essere stati beffati e denunciare l’accaduto alle autorità. Il numero di riferimento è sempre e comunque il 112.

I consigli della Polizia contro le truffe agli anziani:

Non aprite la porta di casa a sconosciuti anche se vestono un’uniforme o dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità. Verificate sempre con una telefonata da quale servizio sono stati mandati gli operai che bussano alla vostra porta e per quali motivi. Se non ricevete rassicurazioni non aprite per nessun motivo. Ricordate che nessun Ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente. Per qualunque problema e per chiarivi qualsiasi dubbio non esitate a chiamare il numero unico di emergenza 1 1 2 e richiedere l’intervento di una pattuglia.

Quando fate operazioni di prelievo o versamento in banca o in un ufficio postale, possibilmente fatevi accompagnare, soprattutto nei giorni in cui vengono pagate le pensioni o in quelli di scadenze generalizzate. Non fermatevi mai per strada per dare ascolto a chi vi offre facili guadagni o a chi vi chiede di poter controllare i vostri soldi o il vostro libretto della pensione anche se chi vi ferma e vi vuole parlare è una persona distinta e dai modi affabili. Fate attenzione a improvvise manifestazioni di affetto da parte di estranei, siano essi uomini o giovani donne che cercano di abbraccairvi. L’intento è di derubarvi di quanto avete indosso.

Se avete il dubbio di essere osservati fermatevi all’interno della banca o dell’ufficio postale e parlatene con gli impiegati o con chi effettua il servizio di vigilanza. Se questo dubbio vi assale per strada entrate in un negozio in alternativa cercate un poliziotto o una compagnia sicura.

Durante il tragitto di andata e ritorno dalla banca o dall’ufficio postale, con i soldi in tasca, non fermatevi con sconosciuti e non fatevi distrarre. Ricordatevi che nessun cassiere di banca o di ufficio postale vi insegue per strada per rilevare un errore nel conteggio del denaro che vi ha consegnato.

Quando utilizzate il bancomat, fatelo con prudenza: evitate di operare se vi sentite osservati.

Foto d’archivio.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!