“Ta ma freghet mia”, la Loggia contro le truffe agli anziani
Telegram

Le truffe agli anziani, di varia natura, sono una problematica purtroppo molto diffusa anche sul nostro territorio. Sono numerose le segnalazioni che riportiamo anche nei nostri articoli e quindi la Loggia ha voluto dare il via a un progetto di sensibilizzazione e supporto.

Si chiama “Ta ma freghet mia – anziani protetti, sicuri e informati” ed è stata affidata alla cooperativa “Il Mosaico” di Lumezzane. Avviata lo scorso mese di marzo, prevede una serie di azioni che coinvolgono figure specializzate come psicologi e psicoterapeuti, vittimologi ed esperti in materia di criminologia.

Il progetto si articola in cinque azioni

Azione 1: Analisi dei dati e approfondimento conoscitivo attorno alla popolazione anziana e ai reati perpetrati a suo danno. Con questa azione si raccolgono dati relativi alle modalità di esecuzione di questi reati. Vengono contattate persone potenziali vittime nei luoghi di aggregazione (appena ciò sarà possibile in sicurezza) ed esponenti delle Forze dell’Ordine (Polizia e Carabinieri) qualificati sul tema. I dati raccolti saranno esaminati e gestiti da un esperto criminologo incaricato e si realizzeranno materiali per informare la cittadinanza, soprattutto quella più fragile.

Telegram
Telegram

Azione 2: Formazione, Informazione e Sensibilizzazione.
Questa fondamentale attività viene condotta da esperti nella comunicazione nonché nelle dinamiche psico socio relazionali della terza età. In sintesi, si prevedono incontri nei luoghi di aggregazione delle persone della terza età per accendere un riflettore su questo tema. Verranno anche organizzati incontri con i Consigli di Quartiere che possono offrire un utile contributo. Si prevedono in prima battuta (e in parte sono stati già realizzati) incontri informativi in modalità digitale.

Azione 3: ascolto delle vittime e supporto psicologico.
Saranno potenziati gli spazi di ascolto, di orientamento e di sostegno delle vittime, per un efficace superamento degli effetti negativi derivanti dal reato subito, grazie al supporto di psicologi e psicoterapeuti.

Azione 4: interventi del personale di Polizia Locale.
Le attività progettuali integreranno le attività che il Comando già ha attivato da tempo a livello di sensibilizzazione e informazione tramite il contatto con le persone che per età rappresentano le potenziali vittime. Inoltre, è attivo da anni uno sportello che riceve le denunce per reati predatori ai danni di persone ultrasessantenni, fornendo sostegno psicologico e riconoscendo un contributo economico (per determinate fasce reddituali) a ristoro dei danni subiti.

Azione 5: raccordo con l’ufficio per la Mediazione penale minorile
Si prevede di realizzare delle attività nel campo della giustizia riparativa che mettano a confronto gli autori di reati ai danni degli anziani con le vittime, per far comprendere le pesanti conseguenze, anche psicologiche, delle loro azioni.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteVaccino: il calendario delle prenotazioni da 16 a 49 anni
Articolo successivo108 ricoveri covid al Civile, calano le terapie intensive