È arrivato il momento tanto atteso, di cui si è parlato per mesi, dai momenti più tragici della pandemia quando fu lanciata l’idea. Bergamo e Brescia da questa sera saranno ufficialmente Capitale italiana della cultura 2023 con il primo atto prettamente istituzionale al teatro Grande.

La cerimonia prenderà il via alle 17 con la presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Un momento che sarà in contemporanea e in condivisione con Bergamo dove invece ci sarà il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano. I due palchi saranno idealmente e tecnologicamente collegati per creare un’alternanza dei vari interventi istituzionali e dei momenti di musica previsti nel programma.

Per Mattarella sarà la quarta volta a Brescia dalla sua elezione nel 2015. La prima visita fu l’anno successivo, poi in periodo covid con una passaggio lampo inatteso ma pregno di significato. Un blitz mattutino al cimitero di Castegnato, dove vandali senza scrupolo alcuno avevano trafugato una croce posta a memoria delle vittime del virus.

L’ultimo incontro fra Brescia e Mattarella avvenne nel maggio del 2021 per l’inaugurazione dell’anno accademico dell’università, cui seguirono le tappe al Capitolium e al Brixia Forum dove era stato allestito il grande hub vaccinale.

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteLa “querelle sul bilancio”. Natali, “hanno ammesso le loro responsabilità”
Articolo successivoTerza vittima del lavoro in 10 giorni. Morto operaio a Rodengo