Telegram

La Corte di Cassazione ha confermato la pena a 14 anni comminata in appello per l’ex marito di Pinky, l’uomo di origine indiana che non sopportava lo stile di vita troppo occidentale della moglie e per tale ragione le diede fuoco in casa il 20 novembre del 2015 davanti ai figli.

“È una bella notizia” è stato il commento di Parvinder Kaur, per tutti Pinky, non appena da Roma si è conosciuto l’esito dell’udienza. Suo marito Ajab Singh continuerà così a rimanere in carcere per quanto fatto alla ex moglie.

Una vita finalmente libera dall’oppressione dell’uomo che le ha reso la vita impossibile prima e cambiata per sempre dopo. Quell’uomo che era stata costretta a sposare ma che non l’avrebbe voluto. Pinky per anni ha subito violenza psicologica sopportando gli eccessi di alcol e droga del marito che voleva controllarla e comandarla.

Telegram

Anche nel dolore di un gesto vile come quello di darle fuoco inizialmente aveva mentito per proteggere la sua famiglia. “Ho fatto tutto da sola” aveva raccontato. Ma la verità è emersa e ora Pinky può finalmente tornate a sorridere.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!